Subito vincenti: gli allenatori scudettati al primo tentativo

Tascout

28 July, 2020

Immagine Articolo

Lo scudetto 2019/20, arrivato al termine di una stagione assurda e interminabile, è stato per Maurizio Sarri il primo trofeo maggiore conquistato in Italia, dopo i tanti campionati minori vinti in carriera. Un successo cercato invano con il Napoli e poi arrivato all'esordio sulla panchina del nemico che, per tre stagioni, aveva combattuto alla guida dei campani: la Juventus. L'allenatore toscano, però, non è l'unico ad aver vinto lo scudetto al primo anno di contratto con una nuova società. Gli stessi anni 2000, finora, hanno offerto tre esempi che andiamo a ripercorrere: Jose Mourinho, Massimiliano Allegri e Antonio Conte.

Jose Mourinho - Inter, 2008/09

Quando Jose Mourinho, conosciuto come lo "Special One" per i suoi trionfi europei con il Porto, arrivò all'Inter, nel 2008, fu incaricato di farle vincere ciò che le sfuggiva da più di 40 anni: la Champions League. Dopo aver conquistato svariati trofei, tra cui due Coppe Uefa, e alcuni campionati e Coppe Italia, il presidente Massimo Moratti era bramoso di far fruttare gli enormi investimenti fatti negli ultimi anni, soprattutto dopo le vicende di Calciopoli che avevano affossato la Juventus e, in parte, il Milan, per emulare ciò che aveva fatto suo padre Angelo, negli anni '60. Questo, a Mourinho, che rivoluzionò la squadra soprattutto nella mentalità e nell'intensità del gioco, rendendo i 23 giocatori a sua disposizione una sorta di legione fedelissima al proprio comandante, riuscì al secondo tentativo, quando conquistò il Triplete (Serie A, Coppa Italia e Champions League). Tuttavia, nel suo primo anno all'Inter il portoghese raggiunse almeno l'obiettivo minimo, quello di non interrompere la striscia di scudetti consecutivi vinti, portandoli a quattro, dopo aver reso i nerazzurri una schiacciasassi inarrestabile in campionato.

Massimiliano Allegri - Milan, 2010/11; Juventus, 2014/15

Massimiliano Allegri è il vero protagonista di questa particolare sezione, in cui compare per ben due volte. A onor del vero, l'allenatore toscano potrebbe essere citato anche tre volte, almeno simbolicamente, visto che quando esordì sulla panchina del Cagliari, nel 2008/09, raggiunse con ben 11 giornate d'anticipo l'obiettivo dichiarato dei sardi: la salvezza. La sua storia di successi, però, cominciò due anni dopo, quando fu chiamato da Adriano Galliani al Milan. Il suo arrivo coincise con il ritorno di Zlatan Ibrahimovic in Italia, questa volta in rossonero, e con quello di Robinho. Servì un po', al Milan, per ingranare, ma pian piano la squadra si adattò al 4-3-1-2 tutto sostanza di Allegri e riuscì a trionfare, con lo scudetto che tornò sulle maglie del Milan dopo sette anni di assenza. Esonerato dai rossoneri nel 2014, il toscano fu subito chiamato a rimpiazzare Antonio Conte alla Juventus e lo fece con successo, riuscendo non solo a mantenere viva la striscia di scudetti consecutivi dei bianconeri, poi portata a otto di fila, ma anche a prendersi la Coppa Italia e ad arrivare in finale di Champions.

Antonio Conte - Juventus, 2011/12

L'annata 2010/11 segnò, per la Juventus, il momento più basso dalla retrocessione in Serie B a causa delle vicende di Calciopoli. Settimi in campionato, fuori dalle coppe europee per l'anno successivo ed eliminati agli ottavi di Europa League dal Fulham, dopo una clamorosa sconfitta per 4-1 in Inghilterra, i bianconeri avevano di nuovo toccato il fondo. Tuttavia c'erano uno stadio nuovo da inaugurare, il primo, in Italia, di proprietà di un club, e un'importante campagna acquisti da far fruttare. Per provare a ripartire fu richiamato alla base Antonio Conte, bandiera bianconera negli anni '90 e nei primi '00, che aveva appena trascinato il Siena alla promozione in Serie A, così come aveva fatto con il Bari due anni prima. Tra l'allenatore e la squadra fu subito amore. Conte si distinse per essere un vero leader e riuscì a chiudere il campionato senza subire sconfitte, cosa che in precedenza avevano fatto solo Perugia e Milan. Proprio ai rossoneri, campioni d'Italia in carica, soffiò lo scudetto nelle ultime giornate, centrando l'obiettivo già alla prima stagione.

Immagine Profilo

Tascout

Team tascout

Registrati ora a Tascout!

Inizia

Potrebbero interessarti