Marta come Neymar: stesso salario per calciatori e calciatrici verdeoro

La decisione della Federcalcio brasiliana segue quella di altre Nazionali

Tascout

03 September, 2020

Immagine Articolo

Si vede una luce in fondo al lungo tunnel della disparità di trattamento tra calciatori e calciatrici. Seguendo gli esempi di alcune Nazionali (Australia, Norvegia, Nuova Zelanda), la Federcalcio brasiliana ha deciso che dal prossimo anno i giocatori e le giocatrici verdeoro, chiamati a rappresentare il Paese, guadagneranno lo stesso stipendio. Una svolta epocale per il movimento sudamericano che potrebbe generare un effetto domino, coinvolgendo le Nazionali più importanti: dalla Francia alla Germania, dall'Inghilterra all'Italia. Tuttavia la scelta di Rogerio Cabloco, presidente della Federcalcio verdeoro, è solo il primo passo della lunga battaglia che le calciatrici stanno combattendo.

Nel 2019, le campionesse del Mondo degli Stati Uniti gridarono a gran voce la necessità di ricevere lo stesso trattamento dei colleghi, facendo causa per discriminazione di genere, ma lo scorso maggio un giudice ha respinto la richiesta. Se per quanto riguarda i club, gli stipendi sono legati necessariamente alla capacità del calcio femminile di generare ricavi, in crescita ma ancora molto distanti da quelli di Messi e soci, la parità di trattamento in Nazionale potrebbe rappresentare un pilastro su cui costruire il futuro, per cambiare un sistema profondamente squilibrato. Ne sanno qualcosa le ragazze italiane, portate alla ribalta durante il Mondiale, ma ancora non riconosciute come professioniste. Ben più di un titolo.

Ancora non sei registrato su Tascout? Entra a far parte della nostra famiglia

Foto di @el_loko74 - Opera propria, CC BY 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=63415595

Immagine Profilo

Tascout

Team tascout

Cosa aspetti?
Registrati ora a

Condividi le tue azioni di gioco e realizza il tuo sogno.

Iscriviti ora

Potrebbero interessarti