Nazionale: quando il debutto è da sogno

Nella storia azzurra, 89 giocatori hanno esordito segnando: l'ultimo a farlo, ieri, Ciccio Caputo

Tascout

08 October, 2020

Immagine Articolo

C'è sempre tempo per realizzare i propri sogni e, ieri sera, Francesco Caputo l'ha dimostrato ancora una volta debuttando a 33 anni, 2 mesi e 1 giorno con la Nazionale italiana, il secondo calciatore più anziano di sempre a farlo. Tuttavia, all'attaccante del Sassuolo questo non bastava e, nell'amichevole contro la Moldavia, si è tolto un ulteriore sfizio, diventando anche il più vecchio giocatore a segnare all'esordio in azzurro. Ciccio, però, è in buona compagnia: nei suoi 110 anni di storia, la Nazionale conta altri 88 giocatori con goal al debutto. Ecco alcuni tra i più illustri dei suoi "colleghi".

Ci sono vari casi di partite con più debuttanti in rete, tutte risalenti a quando la Nazionale muoveva i primi passi. Furono ben quattro nell'incontro d'esordio dell'Italia, giocato il 15 gennaio del 1910 contro la Francia e vinto 6-2: Rizzi, Lana, Fossati e Debernardi. Fu però Lana, autore di una tripletta, a segnare il primo goal della storia azzurra. Saltando agli anni '30, decennio in cui l'Italia vinse due Mondiali consecutivi, nella lista dei debuttanti-marcatori si trovano dei nomi davvero di peso, come Meazza, a cui è intitolato lo stadio in cui giocano Milan e Inter, nel 1930, Cesarini, attaccante che spesso segnava nei minuti finali, poi ribattezzati in suo onore Zona Cesarini, nel 1931, e Piola, tuttora miglior marcatore della storia della Serie A, con 274 goal.

Gli anni successivi alla Seconda guerra mondiale segnarono un periodo di declino per l'Italia, soprattutto dopo la tragedia di Superga del 1949 e la morte di quasi tutti i giocatori del Grande Torino. La maledizione s'interruppe con la vittoria dell'Europeo nel 1968, dopo che la Figc aveva messo fine alla naturalizzazione massiccia di oriundi puntando sugli italiani di nascita, ma prima di allora alcuni di loro riuscirono a esordire con goal, tra cui due nomi non casuali: Sivori e Altafini, entrambi nel 1961. A loro seguì Sandro Mazzola, nel 1963, figlio di Valentino che fu capitano proprio del Grande Torino. Solo due esordienti con goal, ma di peso, ci furono tra gli anni '70 e la prima metà degli anni '80, Chinaglia e Ancelotti. Passando ai '90, tre attaccanti di grande spessore debuttarono con una rete, rispettivamente nel 1995, '96 e '97: Ravanelli, Enrico Chiesa, padre di Federico, e Vieri. Prima di arrivare a Caputo, ci sono poi stati altri 14 esordienti con goal, l'ultimo dei quali fu Orsolini, lo scorso anno, ma su tutti ne spiccano due: uno dei più grandi talenti sprecati del calcio italiano, Cassano, e un calciatore che sarebbe diventato poco dopo campione del mondo, De Rossi.

Immagine Profilo

Tascout

Team tascout

Cosa aspetti?
Registrati ora a

Condividi le tue azioni di gioco e realizza il tuo sogno.

Iscriviti ora

Potrebbero interessarti